Pubblicato da: aceticoglaciale | novembre 4, 2012

CHE RAZZA DI VAMPIRI – Un killer seriale intramontabile

Da Carmilla di Le Fanu al film Dark Shadows di Burton, da Nosferatu di Murnau a Dracula di Stoker, dal videogame Resident Evil a Io sono leggenda di Matheson i vampiri continuano a mietere milioni di lettori intorno a noi!

Che sia un videogame, un anima nipponico, una trasposizione cinematografica, un romanzo oppure un fumetto questo micidiale assassino seriale vanta un successo di pubblico impressionante.

Che cosa irretisce e affascina noi viventi così tanto dei vampiri? Che cosa smuove nel profondo di noi esseri umani questa figura leggendaria e crudele? Che cosa ci dice della nostra condizione di creature che vivono alla luce del giorno?

Il vampiro, il non morto, il succhiasangue vaga nella notte della sua anima dopo aver rotto un patto sacro con Dio e da allora più nessuna creatura è stata al sicuro.

Possiamo davvero dire in tutta coscienza che i vampiri siano solo un parto della nostra fantasia e nulla più? Questo incontro dimostra proprio il contrario: i vampiri esistono e sono più “umani” di quello che crediamo!


Tipo di intervento – reading performativo patafisico multimediale
Regia, concept & acting – Alessandro Tacconi
Pubblico – Ragazzi, adulti
Strumentazione richiesta – Videoproiettore collegabile a pc
Durata – 60 minuti ca.
Luogo in cui realizzare l’incontro – Biblioteca, aula magna, sala consiliare

Annunci

Responses

  1. un pò inquietante…ma bello! 😉


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: